SALONE DEL CAMPER 2017, ALTRA EDIZIONE DA RECORD

Altra edizione da record quella del Salone del Camper 2017, tenutasi dal 9 al 17 settembre presso le Fiere di Parma: la manifestazione ha chiuso infatti i battenti con circa 132 mila visitatori. Una crescita del 4,3 % rispetto al 2016 che consolida e rafforza ulteriormente l’appuntamento di Fiere di Parma e APC – Associazione Produttori Caravan e Camper, oggi già secondo al mondo. Per nove giorni, Parma è stata vetrina dell’eccellenza della produzione italiana ed internazionale di veicoli ricreazionali che hanno attratto un pubblico profilato che ha potuto scegliere, in 120 mila mq, tra 700 veicoli e oltre 300 aziende. Uno sviluppo, in termini di proposta, ben illustrato dal numero delle aziende espositrici: 277 nel 2015, 285 nel 2016. Già nel primo weekend, le premesse erano ottime: 47.000 gli appassionati che hanno affollato i padiglioni, +14,6% rispetto al primo fine settimana della passata edizione.

“L’interesse per il nostro settore – ha commentato Simone Niccolai, Presidente di APC – è stata ampiamente dimostrata da quest’ultima edizione del Salone del Camper: ottima l’affluenza, capace di superare addirittura quella dello scorso anno già da record, numerose le novità dei veicoli esposti ma soprattutto tanto l’entusiasmo da parte di tutti, dei produttori, dei concessionari e dei visitatori, un entusiasmo che attendevamo e che deve essere interpretato come preludio alla netta ripresa del mercato e di una modalità turistica oramai ben compresa da molti.”

Al successo del Salone hanno contribuito anche elementi congiunturali come la ripresa del settore soprattutto in Italia ( in posizione leader con circa 15.150 autocaravan fabbricati nel 2016 – + 22% rispetto al 2015 ) e la crescita nel 2016 del Turismo in Libertà in Italia (54,3 milioni di notti e nel complesso 8,4 milioni di turisti). I dati di APC – Associazione Produttori Caravan e Camper parlano chiaro: nell’ultimo semestre, l’Italia, con un + 14,5% è risultato il Paese che sta registrando la crescita percentuale di nuovo più elevata rispetto ai principali Paesi europei come Germania (+13,6%) Francia (+3,8%) e Gran Bretagna (+11%). Con oltre 5.500 persone impiegate e un fatturato annuo di 750 milioni la filiera produttiva italiana si conferma nel 2016 in posizione leader.

Iscriviti alla newsletter di APC